Nomine pubbliche, Lanzillotta: “Giusto il tetto dei tre mandati, Renzi non deluda le aspettative”

Roma, 25 marzo 2014 – “La prossima tornata di nomine pubbliche sarà un banco di prova della reale capacità di innovazione da parte del premier degli assetti di potere del Paese. L’ipotesi di limitare a tre i mandati dei manager pubblici era già stata sostenuta da Scelta Civica all’inizio della legislatura ma il governo Letta aveva subito i veti della maggioranza e non l’aveva accolta. Quindi siamo d’accordissimo se ora questo criterio sarà applicato. E ci auguriamo che ciò avvenga senza possibili aggiramenti quali il passaggio della medesima persona da un ruolo ad un altro o da società ad altra società”. E’ quanto ha dichiarato Linda Lanzillotta, vice presidente del Senato in merito all’ipotesi di mettere un tetto di tre mandati ai manager pubblici. “Il ricambio che è essenziale per rimuovere opacità e incrostazioni di potere deve essere reale e profondo – ha concluso l’esponente di Scelta Civica – Il Paese ne ha bisogno e siamo fiduciosi sul fatto che Renzi non deluderà le aspettative”.

EmailFacebookGoogle+LinkedInTwitter