SC, LANZILLOTTA: “NESSUN ‘TRASLOCO’ VERSO PD, CONTINUA IMPEGNO SU RIFORME PAESE”

Roma, 22 giugno 2014 – ”Scelta civica come partito ha esaurito la sua funzione. Rimango in un gruppo, che probabilmente cambierà anche nome e che si impegna sui contenuti, sulle riforme necessarie per l’Italia e l’Europa. Non ho in programma traslochi verso altri partiti, ma, naturalmente, ci devono essere le condizioni per mantenere questo gruppo”. Linda Lanzillotta, vicepresidente del Senato, esclude altre ‘fughe’ di esponenti di Scelta civica verso il Pd, perchè il suo gruppo di 7 senatori terrà fede al mandato elettorale avuto nel 2013 sulle riforme.

”Ora siamo sette nel gruppo e vorremmo, se possibile -dice all’Adnkronos- allargare questa compagine. Senza che questo, però, alluda a un approdo politico, perchè al’interno del nostro gruppo ci sono sensibilità politiche molto diverse. Noi dobbiamo restare in questa legislatura caratterizzata da un’agenda forte sulle riforme, che corrisponde al mandato avuto nel 2013 dai nostri elettori, quando il Pd era il Pd bersaniano”. ”A mio avviso -sottolinea- non ci sono le condizioni che Scelta civica si trasformi in un partito politico, perchè dovrebbe avere una leadership, una classe dirigente e un progetto poltico condiviso, che allo stato non ci sono. E questo è quello che noi senatori abbiamo scritto nella mozione presentata mercoledì scorso all’assemblea di Scelta civica”.

”Noi -insiste Lanzillotta– abbiamo avuto un mandato dagli elettori, che è quello di impegnarsi in Parlamento per l’attuazione di un piano di riforme, che in larga parte coincidono con quelle avviate e promesse dal governo Renzi. La coerenza del mandato elettorale è sui contenuti. Non si tratta di fare traslochi ma di onorare questo mandato sulle riforme necessarie.Il problema non è metterci un’etichetta piuttosto che un’altra, ma stare sulle cose concrete”.

EmailFacebookGoogle+LinkedInTwitter