Riforme, Lanzillotta: “No a ricatti, si discuta nel merito sui punti qualificanti

Roma, 28 luglio 2014 – “Non si possono accettare i ricatti: per questo è necessario sgombrare il campo dagli emendamenti che sono puramente ostruzionistici e concentrarci invece su punti qualificanti valutandoli nel merito. L’opposizione giustamente chiede una discussione ampia su una riforma così delicata come quella costituzionale ma l’ostruzionismo impedisce il confronto. In ogni caso, alla fine, in democrazia la maggioranza ha il diritto di decidere”. E’ quanto afferma Linda Lanzillotta, Vice Presidente del Senato intervistata da Skytg24. “Mi auguro che si apra un confronto serio. Ciò che appare evidente è che quando si presentano 8mila emendamenti non si vuole il confronto. Escludo che ci sia un problema di autoritarismo incombente, come qualche forza politica si ostina a propagandare. Da decenni in Italia è vero il contrario: le istituzioni sono bloccate e incapaci di rispondere alle esigenze dei cittadini” ha concluso l’esponente di Scelta Civica.

EmailFacebookGoogle+LinkedInTwitter