Pensioni, Lanzillotta: “Giudizio Consulta sia preventivo a raccolta firme referendum”

Roma, 21 gennaio 2015 – “Ritengo che si debba modificare la normativa sulla presentazione dei quesiti referendari: il giudizio di ammissibilità da parte della Corte Costituzionale deve essere dato prima della raccolta delle firme. Solo facendo così è chiaro fin dall’inizio quello che sarà lo schema del gioco. Oggi di fatto si rischia di ingannare e strumentalizzare i cittadini a cui viene chiesta la firma e che credono di avere così un’opportunità per incidere direttamente sulle decisioni politiche, quando invece questa possibilità è quanto mai incerta”. È quanto ha dichiarato Linda Lanzillotta, Vice Presidente del Senato durante la trasmissione Omnibus su la7. “Solo così – ha concluso – si potranno salvaguardare insieme l’istituto referendario che è simbolo di democrazia partecipativa e l’autonomia della Corte Costituzionale che non deve subire pressioni o condizionamenti politici”.

EmailFacebookGoogle+LinkedInTwitter