Una finestra sul Senato

Un breve resoconto dell’attività svolta dal Senato nelle ultime settimane.

Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 2016: Il 12 Ottobre l’Assemblea del Senato ha approvato la Nota di aggiornamento del DEF 2016  e la relazione di aggiornamento del piano di rientro verso l’obiettivo di medio periodo. Le risoluzioni di maggioranza autorizzano il Governo: a utilizzare nel 2017 ulteriori margini di bilancio fino a un massimo dello 0,4 per cento del Pil, in considerazione del prolungamento della fase di debolezza dell’economia e della necessità di interventi per la messa in sicurezza del territorio e di una strategia per fronteggiare il fenomeno migratorio; a disattivare, nell’ambito della prossima manovra di bilancio, le clausole di salvaguardia per 15,353 miliardi; a proseguire il programma di dismissione del patrimonio pubblico e di privatizzazione delle partecipazioni societarie; a far risalire il rapporto tra investimenti pubblici e PIL; a sostenere la competitività delle imprese con il superammortamento, il rifinanziamento del fondo di garanzia per le PMI, gli incentivi alla quotazione in borsa; a rafforzare la detassazione dei premi di produttivit à; ad assicurare agli enti locali risorse in continuità con quelle previste per il 2016; ad aumentare i trattamenti pensionistici di importo più basso; a promuovere politiche orientate alla famiglia; a garantire una dotazione del Fondo sanitario nazionale idonea ad assicurare l’erogazione dei nuovi livelli essenziali di assistenza; a procedere al rinnovo dei contratti nel pubblico impiego; a prorogare le agevolazioni per ristrutturazioni ed efficientamento energetico.

Efficienza uffici giudiziari: Il 19 ottobre il Senato ha rinnovato la fiducia al Governo approvando definitivamente il ddl di conversione del decreto-legge 31 agosto 2016, n. 168, recante misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, per l’efficienza degli uffici giudiziari, nonch é per la giustizia amministrativa. Tra le altre cose il decreto potenzia l’organico della Corte di cassazione e modifica il procedimento, assicura la copertura degli uffici giudiziari vacanti e potenzia gli uffici di sorveglianza.

Jobs Act del lavoro autonomo: Il 3 Novembre il Senato ha approvato il ddl n. 2233, recante misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato, che passa ora alla Camera dei deputati. Il disegno di legge prevede nuove tutele nella committenza (riconoscimento della creatività, clausole abusive, tutela della malattia e della maternità), incentivi fiscali alla formazione e alla riqualificazione professionale, norme sul lavoro agile che mirano ad accompagnare processi di innovazione tecnologica. Queste misure si accompagnano alla riduzione dell’aliquota IVA per le professioni non ordinistiche prevista dalla prossima legge di bilancio.

EmailFacebookGoogle+LinkedInTwitter