Legge di Stabilità, Lanzillotta: “Aumenta la spesa e le tasse, mancano le misure per la crescita”

Roma, 26 novembre 2013 – “Non siamo soddisfatti sul rapporto tra spesa e tassazione: questa legge di stabilità aumenta la spesa corrente, attraverso una serie di micro decisioni che vanno nella direzione opposta della spending review, con la tendenza a coprire questi costi con maggiori entrate”. È quanto ha affermato Linda Lanzillotta, vice presidente del Senato (Scelta Civica) intervenendo a Radio Anch’io. “Vedremo il testo che verrà presentato dal Governo questo pomeriggio – ha proseguito – ci auguriamo che siano presenti misure che erano state annunciate ma che ancora non si sa che fine hanno fatto come la defiscalizzazione degli investimenti privati in infrastrutture visto che non ci sono poi molte risorse pubbliche si potrebbero agevolare quelle private attraverso il credito d’imposta. Un punto molto negativo è quello che non si è intervenuti in modo incisivo su tutto quel mondo delle partecipate comunali, regionali, provinciali che sta portando a fondo la finanza locale”. Infine l’esponente di Scelta Civica ha sottolineato che trova molto grave, dal punto di vista politico che “i due maggiori partiti della coalizione non sono riusciti, in un mese, a chiudere un testo comune sulla legge di stabilità”.

EmailFacebookGoogle+LinkedInTwitter