Archivio tag: PA

Partecipate, Dlgs incardinato in I commissione Senato

Roma, 18 mag – La riforma delle società partecipate, contenuta nel decreto legislativo P.a. a firma della ministra Marianna Madia, è stato incardinata in commissione Affari costituzionali al Senato.
Lo riferiscono fonti parlamentari. Nella seduta di oggi ha svolto la sua relazione la relatrice, Linda Lanzillotta (Pd).
La 1a commissione del Senato, insieme alla commissione Bilancio alla Camera, dalla prossima settimana svolgerà probabilmente un ciclo di audizioni sul testo.

PA, Lanzillotta: “Innovare unico modo per ridurre spesa”

Roma, 8 giugno 2015 – “La grande sfida e’ il cambiamento della pubblica amministrazione, dove risiede il 50% del nostro Pil. Se qui non vogliamo fare tagli lineari, l’unico modo per ridurre la spesa e’ quello di innovare”. Lo ha detto Linda Lanzillotta, vicepresidente del Senato, durante la conferenza d’apertura della Social Media Week di Roma, in programma dall’8 al 12 giugno alla Casa del Cinema. “L’innovazione riguarda- ha concluso Lanzillotta- la pubblica amministrazione, ma anche il settore imprese e l’amministrazione dei servizi. È come una seconda rivoluzione industriale. Dobbiamo porre il problema di come riconvertire una serie di persone e quali possano essere i nuovi lavori”.

Pa, Lanzillotta: “Nasce Manager per accelerare digitalizzazione”

Roma, 11 marzo 2015 – Nasce nelle Pubbliche Amministrazioni il manager per la transizione al digitale. È quanto prevede un sub emendamento proposto dalla senatrice del Partito Democratico Linda Lanzillotta al ddl Pa e approvato in Commissione Affari Costituzionali del Senato. Il manager, alle dirette dipendenze dell’organo politico e dotato di competenze tecnologiche e organizzative, avrà un ruolo chiave nella riforma della Pubblica Amministrazione attraverso una più efficace governance del processo di digitalizzazione, cui dovrà corrispondere un cambiamento dei processi e degli assetti organizzativi.  La nuova figura sostituirà l’ufficio dirigenziale previsto dal Codice dell’amministrazione digitale che fino ad ora ha avuto un ruolo marginale.

“Si tratta di una misura molto importante – ha sottolineato Lanzillotta – perché fino ad oggi la digitalizzazione nelle Pubbliche Amministrazioni, anche se prevista dalle leggi, nei fatti è stata bloccata da inerzie e resistenze burocratiche. Questa figura servirà a fare della transizione al digitale l’obiettivo strategico delle Pubbliche Amministrazioni e ad accompagnare questo percorso con le necessarie innovazioni organizzative. Sarà responsabilità di ogni ministro fare in modo che nella sua amministrazione sul digitale si passi davvero dalle leggi ai fatti” ha concluso Lanzillotta.